Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
  computer-immagine-animata-0053.gifConsultate la nuova rubrica “Utile a sapersi per chi sta all’estero…”

Rebecca Ricci Bossi:Natale in Provenza

NATALE IN PROVENZA

noel-en-provence.jpg

Ancor prima dell’inizio dell’Avvento, la preparazione del Natale anima il centro di Aix en Provence.
La tradizionale Messa dei Santoniers, i creatori di statuine del presepe, dà un “primo via” all’anno liturgico in quella che in realtà è l’ultima domenica del tempo ordinario.
Domenica 24 novembre ha avuto luogo la celebrazione in lingua provenzale nella chiesa Saint Jean Baptiste du Faubourg: abiti provenzali, canti e musiche natalizie provenzali, predica in provenzale e traduzione in francese per la comprensione generale.
Processione per le strade del centro fino a raggiungere l’esplanade Cezanne (davanti all’ufficio del turismo) per l’inaugurazione e la benedizione della Foire aux santons di Aix en Provence.
La fiera, mercato delle statuine del presepe, create dalle sei famiglie di santoniers di Aix è così ufficialmente aperta e fino al 31 dicembre si potranno ammirare e acquistare i classici soggetti del presepe e una marea di altri personaggi più tipicamente provenzali, come ad esempio il giocatore di bocce.
Ogni anno nuove creazioni vengono ad arricchire l’esercito di pastori, pecorelle, panettieri, pescivendoli, lavandaie……non manca neppure un omaggio a Frederic Mistral, poeta, scrittore e difensore della lingua e cultura provenzale sempre sotto forma di statuina e al mistral vento che imperversa in questa regione, sotto forma di pastore che avanza con difficoltà tenendosi ben stretto il cappello e con la designazione speciale di “colpo di mistral”.
Un tempo questa fiera era nota con il nome di Fiera di Santa Barbara.
A tutt’oggi per santa Barbara, il 4 dicembre si semina il grano in tre coppette che poi orneranno la tavola natalizia.
Sacchettini di grano sono venduti ovunque a beneficio di opere benefiche e associazioni varie.
Venti giorni dunque prima di Natale i chicchi di grano sono posti sul cotone umido adagiato in una coppetta. Tre coppette di rigore per ornare la tavola della vigilia e la tavola del 25 dicembre, che troveranno poi posto nel presepe fino all’Epifania mentre i germogli alla fine dovrebbero essere piantati in terra.
Secondo la tradizione, se il grano è cresciuto bene e diritto è un segno positivo di un anno prospero con un buon raccolto.
Tipicamente provenzali sono i famosi (in questa zona, ma conosciuti in tutta la Francia) 13 dessert che addolciscono il palato a fine cenone della vigilia, prodotti semplici: frutta, frutta secca, candita, pompe à l’huile, una specie di focaccia all’olio dolce e profumata di fior d’arancio, calissons, i dolcetti di pasta di mandorle tipici della città che per la loro forma ricordano i ricciarelli toscani ma con tutta un’altra consistenza, torrone ecc.…fino ad una cinquantina di elementi.
Di questi dessert se ne parla nei testi sin dalla fine del ‘600.
Un tempo il numero 13, che vuol ricordare il Cristo e i 12 apostoli, non era però di rigore.
Se ne trova traccia per la prima volta nel 1925 e per quanto riguarda la composizione dei 13 dolci possiamo aggiungere che non è obbligatoria e varia di città a città e anche da famiglia a famiglia secondo le proprie tradizioni.
Esistono però dei “must”: noci, mandorle, fichi secchi e uvetta, per esempio, i cosiddetti “4 mendicanti” che fanno allusione ai quattro ordini religiosi degli Agostiniani dei Carmelitani, Francescani e Domenicani, o i datteri, unico frutto orientale a memoria della fuga d’Egitto o in onore dei Re Magi che sono in ogni caso sontuosamente festeggiati per l’Epifania.
La seconda domenica di gennaio per le strade di Aix en Provence si vede sfilare un gran corteo di pastori, angeli, e tutti i rappresentanti dei vari mestieri nei costumi tradizionali provenzali al seguito dei Re Magi e dei loro dromedari per raggiungere la cattedrale e offrire ciascuno il suo dono al bambin Gesù oltre ai classici incenso, mirra e oro.
Questa è la cosiddetta “Marche des Rois”, la marcia dei Magi, “l’espressione popolare di una dimensione liturgica”, come sottolinea il Vicario Generale della diocesi di Aix- Arles.
Questa marcia esiste a Aix dal XVII secolo, ai tempi seguiva la celebrazione dei Vespri solenni dell’Epifania nel quartiere della cattedrale.
Oggi alla marcia che traversa ben più ampia zona della città, segue una grandissima celebrazione nella cattedrale gremita e per prendere posto non bisogna certo tardare, anzi meglio essere ben in anticipo se si vuol seguire tutta la rappresentazione della “Pastorale provençale” che racconta la nascita di Gesù, con una buona visuale.
Ma ancora una volta quello che nel mondo profano fa il successo dei Re Magi sono le tradizioni culinarie.
E per festeggiare la venuta dei Magi sulla tavola appare la Galette des Rois, una torta di pasta sfoglia, con al suo interno un ripieno di frangipane, crema frangipane a base di mandorle.
Particolarità di questo dolce è la presenza all’interno di una fava, un tempo di porcellana, oramai di plastica, a volte anche una piccola statuina. Chi la trova nella sua fetta di torta è il re o la regina della giornata e ha diritto alla corona di cartone dorato che accompagna la torta.
Nel sud della Francia accanto alla Galette à la frangipane, si trova La couronne , o Le gâteau des Rois, una brioche a forma di ciambella ricoperta di frutta candita, che come la galette nasconde al suo interno la solita fava.
A Aix , lo so per certo, ma non so se anche altrove, esiste una couronne, dunque il dolce nella versione in pasta di brioche ricoperto di frutta candita e ripiena di crema frangipane.
Una bomba micidiale ma così buona….
E meno male che l’Epifania tutte le feste le porta via, altrimenti povero fegato!
Pur se, commerce oblige, questa speciale couronne è preparata e venduta fino a metà febbraio.


Data di creazione : 18.12.2019 ~ 16:00
Categoria : Notizie dal mondo - Dalla Francia
Pagina letta 97 volte